Il Salento si racconta: le masserie e gli agriturismi

Il Salento è terra di incanti e fascinazioni, multiforme e impalpabile, detentore di una cultura e di un folclore che acquistano coerenze e comprensione solo all’interno del proprio quadro storico e geografico di riferimento. Il boom di visitatori registrato dalle località della zona nell’ultimo decennio riflette solo un frammento minuscolo di quello che è il gigantesco contenitore emotivo e allegorico salentino. Il Tacco d’Italia ha cavalcato per anni l’onda lunga generata da una rivalutazione delle spiagge, incentivando un nuovo assetto sociale orientato verso le attrattive notturne e del divertimento con cui dare continuità all’offerta turistica. Gli ultimissimi anni però hanno stimolato un nuovo modo di mostrarsi al visitatore, non più orientato al divertimentificio pre-confezionato e che invece tutelasse l’essenza autentica del posto.

La masseria in Salento è lo specchio di un nuovo sentire, il punto di incontro tra il visitatore attento e sensibile all’autenticità dell’esperienza e il soggetto interno che propone un contatto meno schematizzato e artificiale attraverso cui conoscere la località. L’agriturismo è un altro modo che ha la penisola salentina di raccontare se stessa, una narrazione che riporta in vita un aspetto spesso trascurato o addirittura insabbiato nell’oblio. La provincia di Lecce è figlia di una tradizione contadina, di essa si è nutrita per secoli e solo da pochi decenni se ne è svincolata in maniera decisa, ma non totale, assumendo un profilo signorile o giovanile, a seconda delle località. Così il turismo rurale riporta in vita un tassello del mosaico salentino che, un po’ in maniera inconsapevole e un po’ con coscienza, era stato nascosto in favore di un racconto territoriale differente. Oggi a questo racconto viene restituito valore, se pur ribaltato nelle sue sembianze estetiche, e si fa vessillo di tradizione vera, certamente meno forte nei numeri del turismo balneare, ma decisamente più performante dal punto di vista della riscoperta identitaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.