Prestiti Veloci tra Privati

Oltre alle varie opportunità di prestiti offerte dalle banche o dalle finanziarie, negli ultimi tempi si sta affermando un nuovo tipo di prestito, il prestiti tra privati detto anche peer to peer.
Il successo che sta ottenendo è dovuto, sicuramente, alla crisi economica che sta mettendo in ginocchio molte famiglie italiane; di soldi se ne ha bisogno ma se si possono pagare meno interessi, perchè non provare i prestiti veloci (vai qui per maggiori informazioni)tra privati?

Questa modalità di prestito è favorito dalla diffusione di internet che è riuscito a mettere in contatto chi ha denaro e chi ne ha necessità; questo sistema più immediato ha permesso di oltrepassare i canonici canali di prestiti.
Tra i siti che offrono questo servizio di social lending troviamo zopa.it e boober.it. Sono aziende nate in Europa, precisamente in Inghilterra ed in Olanda, e che nell’ultimo anno promuovono le loro attività anche in Italia.

Chi necessita di un prestito si iscrive su uno dei due siti e nel giro di pochissimo tempo, generalmente in tempo reale, sa se la sua richiesta è stata accettata.
Il richiedente, dopo l’iscrizione, inserisce la somma di cui ha bisogno e la durata del prestito che va da un minimo di 12 mesi ad un massimo di 48.
Il richiedente paga anche una commissione al sito che può oscillare dallo 0,5% al 2,5%.
Non si pagano costi per l’incasso delle rate.

La stessa procedura la esegue chi mette a disposizione il suo capitale ed indica anche la percentuale con cui intende prestare il denaro. L’erogatore del prestito dovrà anche sborsare delle quote di commissione per il sito che favorisce questi scambi; la commissione è pari all’1%.
Inoltre ha la possibilità di inserire un costo aggiuntivo per il richiedente, di 15 euro annuali e richiedibili per ogni anno della durata del prestito.

Questa modalità di prestito tra privati è un ottimo modo per trovare buoni interessi sui prestiti; generalmente il tasso di interesse applicato dalle finanziarie ad un prestito personale è vicino al 14,5% mentre qui il tasso medio è di circa il 7%.
Per chi mette a disposizione il denaro, un’ottima occasione per far fruttare il capitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.